Accedi al tuo condominio

Le principali novità

Le parti comuni

La Riforma del Condominio è intervenuta per dirimere alcuni dubbi interpretativi circa le parti comuni, per esempio quali sono e quando possono essere modificate e per precisare i diritti hanno i condòmini su di esse.

L'amministratore

La figura dell’amministratore professionista diventa obbligatoria, ma solo per i condomini con più di otto proprietari. Diversamente potrà essere uno degli stessi condòmini ad assumere tale incarico. La Riforma disciplina tutti i requisiti (diploma e corso di formazione), gli obblighi, nonché i casi di revoca dell’amministratore, che verrà investito di un incarico annuale, prorogabile di altri dodici mesi. L’amministratore dovrà occuparsi anche dell’apertura del conto corrente condominiale su cui transiteranno tutte le operazioni di gestione.

Sito web

I condòmini potranno decidere la creazione di un sito internet condominiale

Il regolamento di condominio

Le novità della Riforma interesseranno anche il regolamento condominiale per quanto concerne l’utilizzo delle parti comuni, la tutela dello stabile e del suo decoro, l’amministratore e la ripartizione delle spese. Le nuove disposizioni disciplinano anche l’aspetto sanzionatorio: sono previste, infatti, pene più pesanti, pari a ben € 200, che possono diventare € 800 in caso di recidiva.

I millesimi

Su questo tema la Riforma stabilisce che i valori millesimali possono essere modificati all’unanimità, anche solo per l’interesse di un singolo condomino, con la maggioranza dei presenti e almeno la metà del valore dell’edificio, in specifici casi.

L’assemblea condominiale

Cambiano le maggioranze per l’approvazione delle delibere, che possono essere impugnate da ogni condomino assente, astenuto o dissenziente, il quale può richiedere l’annullamento all’autorità giudiziaria entro trenta giorni dalla data di deliberazione.

Animali domestici

Gli animali domestici non possono più essere vietati in condominio.

Il testo integrale della legge 220 2012.